26 cibi migliori per un intestino più sano e più felice

26 migliori alimenti per aumentare i batteri intestinali

Foto di Baloncici/Getty

Nella nostra ecologia interiore, proprio come nell'ecologia del pianeta, la diversità è uguale alla resilienza. Più tipi di batteri intestinali amichevoli ospitiamo, migliore è il lavoro di digestione svolto dall'intestino e minori sono le possibilità che un particolare alimento o componente alimentare lo disturbi o inneschi una risposta infiammatoria dannosa.Per incoraggiare un 'microbioma' sano e diversificato all'interno del tratto gastrointestinale, sono necessarie due cose:



1. Alimenti prebiotici
Un alimento prebiotico contiene ingredienti, principalmente fibre, di cui si nutrono i batteri intestinali, producendo sottoprodotti della fermentazione a beneficio della salute. Ecco alcuni degli alimenti prebiotici più potenti:



  • mandorle
  • Asparago
  • Banane
  • radice di bardana
  • Cereali (integrali, orzo, segale)
  • Radice di cicoria
  • Indivia
  • Aglio
  • Verdure (soprattutto tarassaco)
  • topinambur
  • Jicama
  • Kiwi
  • porri
  • Verdure
  • Funghi
  • Avena
  • Cipolle
  • scorzonera

    2. Alimenti con potere probiotico
    Invece di essere cotti o mangiati freschi, i cibi ricchi di probiotici vengono preparati mettendoli in una pentola a cottura lenta o in un barattolo di vetro o lasciando che i batteri li fermentano naturalmente. I batteri comuni, come i lattobacilli, scompongono gli zuccheri in acidi, preservando il cibo e conferendo un sapore salato e piccante. Gli alimenti fermentati possono fornire fibre per i nostri batteri intestinali residenti, nonché una nuova spedizione di batteri transitori. I nuovi batteri migliorano la diversità dei nostri microbi intestinali durante il loro transito unidirezionale e, in modi che gli scienziati stanno appena iniziando a svelare, aiutano gli insetti residenti a svolgere meglio il loro lavoro. Ecco alcuni degli alimenti probiotici più potenti:

    • Verdure fermentate (kimchi, crauti, carote, fagiolini, barbabietole, sottaceti lattofermentati, olive greche stagionate tradizionali)
    • Soia fermentata (miso, natto, tempeh)
    • Latticini coltivati ​​(latticello, yogurt, kefir, formaggio)
    • Prodotti non caseari coltivati ​​(yogurt e kefir a base di soia biologica, cocco, ecc.)
    • Cereali e fagioli fermentati (lenticchie lattofermentate, ceci, miso, ecc.)
    • Bevande fermentate (kefir e kombucha)
    • Condimenti fermentati (crudi aceto di mele )